Tag Archives: Quinzio

Un tentativo di colmare l’abisso

CeronettiSabato 8 novembre 2014, al Museo San Francesco di Nocera Umbra, verrà presentato il volume — curato dal nostro Giovanni  Marinangeli — contenente l’epistolario fra Guido Ceronetti e Sergio Quinzio (Un tentativo di colmare l’abisso. Lettere 1968 – 1996, a cura di Giovanni Marinangeli, Adelphi, 2014, p. 444). Alla presentazione interverranno, oltre al curatore dell’opera, Roberto Lazzerini, Anna Giannatiempo Quinzio, Mariano Borgognoni.

Arte versus Religio. Ma anche Atene contro Gerusalemme. (Sola) Scriptura contro scrittura. Di certo la sensazione netta di essere di fronte a due diatribisti medievali, piuttosto che a due intellettuali, pur tra i più atipici e originali del novecento culturale italiano. Guido Ceronetti e Sergio Quinzio, due padri adelphiani della prima ora, che la casa editrice milanese celebra pubblicandone il quasi trentennale carteggio. Due testimoni lucidi, per certi versi spietati, più ospiti che protagonisti del secolo nel quale hanno inscritto le matrici della loro opera, e  il cantus firmus della loro inossidabile amicizia. Un’amicizia circoscritta in un triangolo spazio-temporale ben definito: Alassio, Torino, il 1927, anno della comune epifania. Due vite segnate dalla abissale contaminazione col Sacro e con la parola, da quella poetica a quella scritturale, che l’epistolario restituisce in una policromia di sfumature e di rimandi serrati, nel quale il lettore (sempre impudico nel caso di una privata corrispondenza) si trova vorticosamente ad oscillare, lettera dopo lettera. Due fedi assolute, infrangibili, reciprocamente irriducibili: da un lato quella, teologicamente “scandalosa”, paolina di Sergio Quinzio nella resurrezione della carne, nella consolazione finale; dall’altro quella filosoficamente tenace di Guido Ceronetti nel potere salvifico della gnosi. Due Weltanschauung diverse e opposte, che non avrebbero potuto essere sostenute con migliore forza retorica e con maggiore rigore morale, nelle quasi trecento missive del carteggio: pagine in cui non mancano anche i segni, talvolta le stimmate, di una straordinaria cifra umana.

Copyright © Ritiri Filosofici 2019