XV. La coscienza in Hobbes tra politica e religione

20 ottobre – 22 ottobre 2017

La coscienza in Hobbes tra politica e religione
di Guido Frilli (Università di Firenze)

Il ritiro intende tematizzare l’idea hobbesiana di coscienza, nel suo complesso spessore antropologico, politico e teologico. L’analisi si appoggerà tanto a testi hobbesiani classici come gli Elements of Law e il Leviathan, quanto a scritti meno frequentati come il De Motu, loco et temporeThe Questions concerning Liberty, Necessity, and Chance, e A Historical Narration Concerning Heresy. Benché spesso trascurata dalla letteratura secondaria, la nozione di coscienza costituisce un architrave dell’edificio sistematico di Hobbes; in particolare, si vuole mostrare come un esame adeguato del concetto di coscienza non possa prescindere dall’investigazione approfondita della dottrina teologica hobbesiana. Hobbes sottopone a radicale revisione critica il concetto luterano-calvinista di coscienza individuale come centro inviolabile e sacro della fede nel regno di Cristo, riconducendola al contrario a mera opinione fallibile; al tempo stesso, egli assegna alla coscienza un cruciale spazio di autonomia valutativa, non intaccabile dall’autorità politica. Lungo il sottile filo teso tra queste due tesi si gioca la tenuta del progetto hobbesiano: la costruzione di un potere politico che, se da un lato non può più essere uno strumento dispotico di conversione religiosa, dall’altro deve sforzarsi di ridurre e relativizzare, attraverso l’educazione, la distanza tra coscienza individuale e legge pubblica.

venerdì 20 ottobre
17 – 19,30 arrivo e sistemazione dei partecipanti
20 cena
21 – 22 presentazione del ritiro

sabato 21 ottobre
9 – 10,30 L’idea di coscienza
10,30 – 11 coffee break
11 – 12,30 discussione
13 – 14 pranzo
15 – 16,30 Lo spazio della coscienza tra potere politico e autorità religiosa
16,30 – 17 coffee break
17 – 19,30 discussione
20 cena

domenica 22 ottobre
9 – 10,30 Educazione, tolleranza e conversione: Hobbes e l’illuminismo
10,30 – 11 coffee break
11 – 12,30 discussione
12,30 – 13 considerazioni finali
13 pranzo finale

Guido Frilli è assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Filosofia dell’Università di Firenze. Ha studiato all’Università di Pisa e alla Scuola Normale Superiore di Pisa, e ha svolto il dottorato a Firenze e Parigi 1 Panthéon-Sorbonne. Oltre ad articoli e contributi in volume, ha pubblicato nel 2015 una monografia sul concetto di tempo nella Fenomenologia dello Spirito di Hegel, versione rielaborata della tesi di laurea specialistica discussa a Pisa nel 2011; e la tesi di dottorato, dedicata a Hegel e Hobbes (“Ragione, desiderio, artificio. Hegel e Hobbes a confronto”) sta per uscire in volume per i tipi di Firenze University Press. Si occupa principalmente di filosofia classica tedesca (oltre a Hegel, Kant, Fichte e Jacobi) e più recentemente della filosofia politica e religiosa di Thomas Hobbes.

 

Testi che saranno discussi al Ritiro

Opere di Hobbes
– Thomas Hobbes, Leviatano, Bur (tr. Micheli), soprattutto parte III
– Thomas Hobbes, Elementi filosofici sul cittadino, Utet (tr. Bobbio), soprattutto capitolo III
– Thomas Hobbes, Scritti teologici, Franco Angeli (in particolare la Storia ecclesiastica)
-Thomas Hobbes, Behemoth, Laterza (in particolare il primo dialogo)

Letteratura secondaria
– Carl Schmitt, Sul Leviatano, Il Mulino
– Leo Strauss, La critica della religione in Hobbes, tr. it. inclusa in Strauss, Scritti su filosofia e religione, Ets, Pisa, 2017.
– Richard Tuck, Hobbes, Oxford University Press, 1989

Info sul Ritiro
Il Ritiro Filosofico è un’esperienza prevalentemente residenziale che si svolgerà presso Convento dei Frati Carmelitani di Nocera Umbra. La struttura, immersa in un parco di piante secolari, si trova su un colle sotto il centro storico della città: offre camere doppie con bagno in camera, saloni per incontri, un’ampia sala da pranzo e parcheggio interno per gli ospiti.

Durante lo svolgimento del Ritiro sarà disponibile una connessione a internet wi-fi. Al termine del Ritiro potrà essere rilasciato un attestato di partecipazione.

La partecipazione ai seminari è comunque libera e chi lo desidera può unirsi al gruppo dei residenziali per i pasti.

Il costo della partecipazione al Ritiro (pasti e pernottamento, secondo il programma pubblicato) è il seguente:
– camera ordinaria con pensione completa: euro 120,00
– camera con pensione completa (per studenti e dottorandi): euro 100,00
– pasto singolo: euro 15,00

Per prenotare, potete compilare il modulo d’iscrizione che trovate qui sotto, versando una quota di 40 euro. Il pagamento può essere effettuato tramite bonifico bancario sul conto corrente presso Unicredit di Roma (Viale Giulio Cesare 54) intestato all’ Associazione Ritiri Filosofici (IBAN IT18G0200805340000103872770), oppure tramite PayPal cliccando sul tasto sotto.





Copyright © Ritiri Filosofici 2017