Category Archives: Segnalazioni

La coscienza in Hobbes tra politica e religione – RF15

Da venerdì 20 a domenica 22 ottobre 2017, si svolgerà a Nocera Umbra il quindicesimo ritiro filosofico organizzato da RF. Relatore di quest’anno sarà il ricercatore universitario Guido Frilli il quale ci condurrà con le sue riflessioni a sondare il pensiero di un classico della tradizione filosofica: Thomas Hobbes.

Continue Reading

XIV Ritiro Filosofico, un resoconto

WhatsApp Image 2016-10-09 at 09.42.02_Snapseed

Come largamente preannunciato si è svolto, dal 30 settembre al 2 ottobre, il XIV Ritiro Filosofico nella consueta cornice di Nocera Umbra (PG). La quattordicesima edizione del Ritiro è stata condotta dal prof. Rocco Ronchi – docente di filosofia teoretica all’Università de L’Aquila -, sul tema L’immanenza assoluta. Una tre giorni davvero interessante e ricca di dibattiti, suscitati dalle lezioni del relatore che ha potuto contare su una platea eterogenea di ascoltatori attenti e, nella loro diversità, complementari.

Le tre sessioni di lavoro (due al sabato, e una la domenica) hanno affrontato la tematica dell’immanenza assoluta attraverso una critica del concetto di contingenza, per poi passare all’esposizione della nozione di processo ed infine indagando una terza accezione della causalità metafisica. Obiettivo di Rocco Ronchi era quello di mostrare una via alternativa sia al necessitarismo sia al personalismo che fa della libertà il proprio unico orizzonte.

Continue Reading

Filosofia e scienza. Amiche, nemiche o altro?

maxresdefault

the-lifestyle-dialoguepresents-2-1

Edoardo Boncinelli non è nuovo nei suoi attacchi alla filosofia. L’ultimo in ordine di tempo è apparso in un’intervista pubblicata lo scorso 16 gennaio sul giornale online Linkiesta nella quale, denunciando l’Italia ignorante, sospettosa e nemica della scienza, attribuisce la colpa di tale situazione anche alla filosofia. «I filosofi – ha detto il celebre genetista – sono i peggiori nemici della scienza, peggio anche dei preti», sicché le ore dedicate alla filosofia nelle scuole italiane sono un male e non un bene al contrario di quanto sosteneva il suo amico Giovanni Reale, autore di un fortunatissimo manuale scolastico per gli studenti delle Superiori insieme a Dario Antiseri. Boncinelli, un fiorentino doc dalla battuta di spirito pronta ed arguta, ha ripetuto la sua requisitoria nei confronti della filosofia di fronte ad una platea di studenti del Liceo delle Scienze Umane di Nocera Umbra accorsi venerdì 26 febbraio nella sala dell’ex seminario (che di solito ospita i nostri ritiri filosofici). La conferenza dal titolo “La scienza oggi” si è tenuta nell’ambito di una serie di incontri organizzati in preparazione della Festa di Scienza e Filosofia di Foligno che si svolgerà dal 14 al 17 aprile prossimo, manifestazione ormai affermatasi in modo significativo e che metterà a confronto su diversi temi i maggiori scienziati e filosofi del panorama nazionale e internazionale.

Continue Reading

La Scuola di Roma dell’IISF: le attività del 2016

IIS-580x412_Snapseed

Anche per il 2016 la Scuola di Roma dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici propone una interessante serie di seminari a cadenza mensile. Il tema scelto per quest’anno è Emancipazione.

La lezione inaugurale verrà tenuta martedì 19 gennaio, alle ore 17:30, presso lo Studio Campo Boario di Roma (via del Campo Boario 4a), da Emilio Gentile, allievo di Renzo de Felice, con una relazione dal titolo Fra capo e folla. Fuoco amico sull’emancipazione.

IIS

Il rapporto fra emancipazione e religione, fra emancipazione e teologia politica, nonché l’idea dell’emancipazione come rischiaramento, saranno solo alcuni dei temi trattati nei vari seminari. Qui è reperibile il programma completo.

Per la partecipazione ai seminari la Scuola di Roma, come ogni anno, mette a disposizione tre borse di studio per giovani studiosi impegnati in ricerche su temi connessi a quelli che verranno via via trattati. Le modalità di candidatura si trovano qui.

 

Quel che resta di Heidegger

1447048362_12208847_10203886133828707_2982561304946482625_n_Snapseed

I “Quaderni neri” di Heidegger 1931-1948. Clicca sull’immagine per il programma completo.

Dopo la pubblicazione e le prime ricezioni dei Quaderni neri, Heidegger continua a far parlare di sé. Ne è testimonianza il grande convegno svoltosi a Roma tra il 23 e il 25 novembre dal titolo i “Quaderni neri” di Heidegger, che, organizzato da Donatella Di Cesare (Università La Sapienza), ha richiamato studiosi e interessati da tutta Europa. La lista degli invitati è sorprendente (solo per citare i più in vista, Peter Sloterdijk, Gianni Vattimo, Peter Trawny, Vincenzo Vitiello, Gérard Bensussan) e gli interventi hanno chiarito le posizioni dei vari studiosi heideggeriani dopo la pubblicazione dei quaderni. Ovviamente, l’attenzione si è concentrata sull’analisi del coinvolgimento accidentale o strutturale del filosofo con il nazionalsocialismo, sul ruolo che svolge l’ebreo e l’antisemitismo all’interno del sistema heideggeriano, e di conseguenza, sulla verifica di che cosa possa essere salvato (ove possibile) del pensiero di Heidegger. Continue Reading

Le relazioni degli studenti al convegno di Napoli su Spinoza e la radicalità della natura

Il giardino interno dell'Università Federico II di Napoli.
Il giardino interno dell'Università Federico II di Napoli.

Il giardino interno dell’Università Federico II di Napoli.

Lo scorso 2 ottobre 2015, presso l’Università Federico II di Napoli, si è svolta una giornata di studi dal titolo Spinoza, la radicalità della natura, organizzata dall’Istituto per la storia del pensiero filosofico e scientifico moderno del CNR insieme al presidente di Ritiri Filosofici Maurizio Morini. Al convegno sono intervenuti anche i nostri Federica De Felice e Saverio Mariani.

 

Continue Reading

Contro la filosofia pop

DSC_0171 (1)

DSC_0171 (1)

Fare filosofia oggi, quale che siano il suo livello e le sue pretese, significa innanzi tutto rinunciare all’apparizione. Non tanto perché sarebbe un male in sé, ma perché vorrebbe dire rinunciare a pensare lo Zeitgeist, lo spirito del tempo, che si trova appunto nella scomparsa, la discrezione. Da questo punto di vista, non bisogna dunque formalizzarsi troppo rispetto a tutti quelli che, ancora oggi, si lasciano reclutare nel circo mediatico o sociale: non sono colpevoli, stanno semplicemente dalla parte di uno spirito che è morto. Si tratta unicamente di orientare i propri pensieri su ciò che è vivo: tutto ciò che si vive, si crea, si pensa, si condivide oggi è ben lontano da un simile circo.

Pierre Zaoui, L’arte di scomparire. Vivere con discrezione, Il Saggiatore, 2015, 115-116.

Spinoza e la radicalità della natura

radicalità169

Spinoza e la radicalità della natura

Una delegazione di RF ha preso parte al convegno organizzato a Napoli dall’Istituto per la Storia del Pensiero Filosofico e Scientifico Moderno su un tema particolarmente ricco di spunti di riflessione: Spinoza e la radicalità della natura.  Federica De Felice ha presentato una relazione sulla strategia degli affetti nell’Etica di Spinoza, tema sul quale la docente ha già sviluppato da tempo una serie di originali riflessioni oggetto di discussione anche in un recente ritiro. Saverio Mariani  ha trattato il tema dei rapporti fra Spinoza e Bergson, individuando, nel solco della ricerca che sta conducendo su un tema tanto interessante quanto poco battuto, ipotesi di assonanze e collegamenti fra pensatori pure così distanti. Maurizio Morini ha posto al centro del proprio intervento la figura di Spinoza come esegeta biblico, mettendo a fuoco il nucleo del pensiero del filosofo olandese in relazione alle Scritture, evidenziando le ricadute e le ramificazioni di tale rapporto anche in ottica politica.

 

XIII Ritiro filosofico

rf_Snapseed

Si è conclusa lo scorso 27 settembre la tre giorni dedicata al XIII Ritiro Filosofico nell’ormai tradizionale sede della Domus Seminario di Nocera Umbra (PG). Il tema dell’incontro era La rivelazione e i suoi usi teologico-politici, brillantemente condotto dal relatore Filippo Mignini (ordinario all’Università degli Studi di Macerata) attraverso quattro intense sessioni di studio, seguite da momenti di dibattito sul modello del simposio (da anni ormai il vero marchio di fabbrica di Ritiri) altrettanto partecipati.

 

RF13

 

Nella prima sessione, Mignini ha ritenuto indispensabile porre una premessa di carattere terminologico all’intero Ritiro, al fine di evitare fraintendimenti sul significato che qui si voleva attribuire alla parola rivelazione. Con questo termine infatti, ci si riferisce all’evento soprannaturale con cui la divinità fa conoscere, direttamente o indirettamente, verità, naturali o soprannaturali, non conoscibili per altra via; al fine di orientare la ragione e l’intelletto umani, di per sé disorientati. Tale approccio conoscitivo di matrice tipicamente religiosa, dalle tre grandi fedi del mondo occidentale (ebraismo, cristianesimo e islam) viene poi fissato per ispirazione divina su un documento scritto, il testo sacro, che diventa a sua volta oggetto di culto. Nulla di più distante dall’approccio conoscitivo proprio del mondo greco contemporaneo a questa fase (siamo intorno al V sec. a.C.), del quale Mignini ha dato testimonianza attraverso il confronto tra alcuni passaggi dell’Odissea con brani dell’Antico Testamento (punto di riferimento scritturale comune a tutti e tre i grandi monoteismi). Oltre ad avere un carattere costantemente indiretto infatti (Atena si presenta sempre sotto mentite spoglie), in Grecia la rivelazione non è fondativa del momento religioso, e tanto meno di quello politico che è appannaggio esclusivo dell’autorità civile. Lo stesso messaggio escatologico in essa contenuto non oltrepassa mai la dimensione del reale: solo con l’avvento del cristianesimo, difatti, l’immortalità delle anime diventa una promessa di vita ultraterrena.

Continue Reading

RF13 in corso!

RF13_Snapseed
RF13

La locandina del XIII Ritiro Filosofico che si sta svolgendo.

Come largamente anticipato sui nostri canali social e sul nostro sito questo fine settimana si svolgerà il XIII Ritiro Filosofico (RF13) dal titolo La rivelazione e i suoi usi teologico-politici. Le pubblicazioni torneranno regolari dalla prossima settimana, e a breve saranno visibili sul nuovo sito a cui stiamo lavorando. Per cui: continuate a seguirci e ad attingere al nostro archivio per proseguire con un po’ di letture filosofiche.

Di seguito una breve introduzione al Ritiro che si sta svolgendo:

Il XIII Ritiro Filosofico si snoderà entro quattro, intense, sessioni di lavoro, ognuna composta da una relazione del professor Filippo Mignini alla quale seguirà una tavola rotonda, che vorrà approfondire e analizzare, attraverso le peculiarità filosofiche di ogni partecipante, la tematica appena trattata. La solita (e solida) formula che caratterizza ogni ritiro filosofico sarà riproposta anche quest’anno, con al centro della discussione una questione fondamentale ancor’oggi, quella della rivelazione e dei suoi usi teologico-politici. Sebbene tale problematica può apparire come oramai superata e oggetto unicamente del passato, in realtà continua a mantenere la sua tensione all’interno della narrazione teologico-politica odierna.

Il professor Filippo Mignini, ordinario di Storia della filosofia all’Università di Macerata, grande studioso del pensiero di Baruch Spinoza, ci condurrà al cuore del problema affrontando in quattro tappe gli snodi più decisivi. La prima sessione sarà dedicata all’analisi della divinità nelle culture antiche, attraverso la lettura anche di testi tratti dall’Odissea omerica e brani dell’Antico Testamento. Il rapporto della divinità stessa con gli uomini, che possiamo definire senza dubbio rivelazione, verrà contestualizzata e ampliata, nella seconda sessione, alla ricerca di uno spessore teoretico e filosofico diverso. Sarà allora Tommaso D’Aquino l’interlocutore che, mediante la sua opera di unione di filosofia e teologia, tenterà di dare un connotato più strutturato al concetto di rivelazione, mostrandocene anche, incoate, alcune delle sue derive teologico-politiche. A questo linguaggio tendente alla teologia, dunque, sarà accostato quello invece prettamente filosofico di Baruch Spinoza il quale, nel Trattato Teologico-Politico e nel Breve trattato analizza la questione della rivelazione e della profezia, sia sul piano scritturale che strettamente filosofico. Egli sarà il cuore di quella critica alla teologia-politica che ha cercato una legittimazione politica, appunto, mediante il dispositivo di rivelazione. Un dispositivo che getta un’ombra di oscurità sulla conoscenza del reale alla quale Spinoza, ma anche Kant e Fichte (protagonisti dell’ultima sessione di lavoro), tentano di rimediare attraverso la luce dell’intelletto e della ragione filosofica.
Questo percorso storico-filosofico, però, non dovrà solo servire a ripercorrere alcuni dei momenti della storia del pensiero occidentale, ma sarà il punto di partenza per sviluppare una discussione che abbia ricadute sull’oggi. A tal proposito le tavole rotonde che seguiranno le lezioni hanno l’intenzione di affrontare, a partire da ciò che la relazione del professor Mignini avrà delineato e chiarito, tematiche ancora oggi attuali e vicine a noi. In questo modo si porterà in atto ciò che ritiri filosofici ha sempre cercato di perseguire: un fare filosofia che non sia sterile speculazione, ma sia pensiero critico e coscienza del tempo presente.

 

Quale Dio per il pensiero?

IMG_0112 Fare teologia, parlare di Dio nella tradizione giudaico-cristiana ha significato storicamente fare riferimento alla Parola di Dio. Non si può essere teologi, non si può discorrere su Dio se non si crede  che vi sia una Parola di Dio. Non si tratta di un problema di poco conto se si tiene  presente il fatto che la stessa Scolastica distingueva una teologia naturale e una teologia-teologia esprimibile, quest’ultima, soltanto da chi crede alla Parola di Dio.

E tuttavia, contro questa concezione, si deve dire che non solo si può ma si deve parlare di Dio anche se non si ritiene che vi sia una Parola di Dio. In questo modo il campo del discorso su Dio è aperto ad ogni uomo e ciò anche a motivo del fatto che qualsiasi pensiero, che voglia dirsi tale, consiste nella sua stessa impossibilità di arrestarsi prima di sbattere contro quest’ultimo argine costituito da quello che, per definizione, è da sempre il problema ultimo. Con questa premessa, quasi mettendo le mani avanti su un tema delicatissimo ed esibendo allo stesso tempo la piena legittimità del discorso filosofico, Massimo Cacciari ha aperto la lezione magistrale tenutasi domenica 21 giugno di fronte ad oltre 450 persone al Monastero della comunità di Bose, in provincia di Biella.

Continue Reading

Festa di Scienza e Filosofia 2015

Si è conclusa con il tutto esaurito all’Auditorium San Domenico la V edizione della Festa di Scienza e Filosofia di Foligno, confermando l’andamento positivo dei risultati nel corso degli anni passati. Nel contesto di una città che, come al solito, non ha mancato di rispondere prontamente e con entusiasmo all’iniziativa, ottanta studiosi di primo piano hanno riempito i palazzi simbolo della storia folignate di studenti ed appassionati per una quattro giorni all’insegna della cultura di qualità. Ad alternarsi nelle oltre novanta conferenze sono stati fra l’altro Edoardo Boncinelli, Piergiorgio Odifreddi, Gianni Vattimo e Giulio Giorello, i cui interventi sono stati suddivisi in quattro aree tematiche al fine di favorire al massimo i partecipanti nella scelta degli ambiti di maggior interesse. Aree tematiche che sono poi il riflesso dell’ambizioso intento di questa Festa, ossia del suo volersi porre come il punto d’incontro — e di scontro anche — fra i due approcci alla verità più fecondi che la storia umana abbia mai fatto emergere: la scienza e la filosofia. Se della sezione “Cervello e mente” abbiamo già parlato nell’articolo dello scorso 9 aprile 2015, l’ampiezza di respiro della Festa invita a svolgere qualche considerazione ulteriore anche sulle altre tre aree.

Continue Reading

Una festa filosofica con il cervello al centro

Festival Foligno 2015È iniziata oggi a Foligno la V Edizione della Festa di Scienza e Filosofia, appuntamento che si sta sempre più qualificando per la vasta ed importante platea di relatori unita ad una crescente partecipazione da parte del grande pubblico.  Uno dei panel più suggestivi, che raccoglie alcuni dei tanti appuntamenti in programma, è quello relativo al rapporto tra mente e corpo. Ricordiamo a questo proposito che anche il nostro prossimo ritiro filosofico vedrà al centro delle sue discussioni proprio la questione suddetta, letta e interpretata attraverso la dottrina degli affetti e delle emozioni in Spinoza. Il tema ci consente di fare una rapida ricognizione sia sulla storia sia sullo stato della ricerca scientifica in ambito neurofilosofico e ciò non tanto attraverso enunciazioni di principio relative al rapporto tra filosofia e scienza ma tramite una breve recensione di un libro interessante apparso di recente dal titolo Nulla di più grande che indica in un particolare modo di misurazione del funzionamento del cervello il criterio per stabilire il grado di coscienza umana.

Continue Reading

Spinoza a Uomini e Profeti

Uomini e profeti è una trasmissione radiofonica in onda il sabato e la domenica mattina su Radio tre. Ideata e condotta da Gabriella Caramore (foto accanto), da oltre venti anni è tra i rari appuntamenti pubblici che affrontano argomenti di carattere teologico e religioso con una solida preparazione culturale (soprattutto biblica) unita a uno stile sobrio e raffinato. Notevoli sono le iniziative curate dalla trasmissione: una delle ultime in ordine di tempo è stata la lettura della Bibbia, dal primo all’ultimo libro, portata avanti insieme a studiosi e intellettuali dal 2010 al 2013. Numerose, anche per via del curricolo della conduttrice, le incursioni nel campo della filosofia. Una di queste ha interessato anche la figura di Spinoza con una puntata trasmessa l’8 dicembre del 2013 (ancora oggi scaricabile nella sezione podcast del sito) dal titolo Un uomo che genera Dio, secondo una citazione tratta da una poesia di Borges dedicata al filosofo ebreo.

Introdotto dalle parole di Giorgio Colli – che definiva il sistema di Spinoza un’unità a confronto della molteplicità frantumata del mondo moderno e la sua Etica (l’opera principale di Spinoza oggetto del nostro prossimo ritiro filosofico) come avente «la fermezza di un tempio in un paesaggio disabitato capace, se contemplato, di far conoscere il Divino» –  il dialogo in studio ha visto la presenza di Davide Assael, giovane ricercatore di origine ebraica.

Continue Reading

Ricerche per il nuovo anno

Pubblichiamo nella sezione Studi un contributo sul difficile rapporto tra filosofia e teologia nella modernità, tema che sarà oggetto di uno dei due ritiri previsti per il prossimo anno. L’articolo è dedicato all’opera di Pierre Charron, filosofo e teologo vissuto a cavallo tra il XVI e il XVII secolo. L’autore, Adamas Fiucci, è un giovane dottorando in Studi Umanistici, curriculum “Logica, Ontologia ed Etica”, dell’Università G. D’Annunzio di Chieti. Nel suo lavoro di ricerca, “La rilevanza psicologico-politica della nozione di coustume nella filosofia francese della seconda metà del Cinquecento”, Fiucci esamina la teoria dell’abitudine nel pensiero di Étienne de La Boétie, Michel de Montaigne e Pierre Charron. I suoi principali interessi in ambito filosofico sono la teoria politica della prima età moderna (con particolare attenzione al rapporto individuo-società); la rilettura rinascimentale delle idee morali della filosofia antica (scetticismo, epicureismo e stoicismo); l’impatto delle guerre di religione sulla cultura europea tra il XVI e il XVII secolo.

Copyright © Ritiri Filosofici 2017